>
Home>>News>>Consigli>>Vasi sospesi o vasi a terra?

Vasi sospesi o vasi a terra?

La scelta dei sanitari nelle case moderne è diventata complessa e richiede massima attenzione, tra sanitari a terra e sanitari sospesi. Una volta l'idraulico proponeva al cliente un paio di modelli, al massimo tre e il gioco era fatto, con l'incertezza che si manifestava tra il classico bianco, qualcuno forse azzardava il nero (per l'asse e il coperchio del water), e quelli più alternativi che propendevano per un rosa antico, tutti rigorosamente con l'installazione a terra. Oggi la situazione è mutata radicalmente, al punto che non solo c'è ampia scelta per quanto riguarda i colori, ma anche per ciò che concerne la geometria, le forme, i profili e le installazioni. Da allora le proposte sono aumentate ed è cambiato anche l'approccio nel concepire il bagno fin dal suo progetto, al punto che architetti e designer trovano il modo per concentrarsi ponendo un focus più attento verso tazza e bidet, i quali diventano veri e propri componenti di arredo.

Come scegliere i sanitari giusti per il bagno

Per compiere una scelta oculata dei sanitari per il bagno, sia in caso di nuova costruzione che di ristrutturazione dell'immobile, è importante considerare non solo l'aspetto estetico, ma anche la praticità, l'igiene e l'integrazione di ciò che si sta acquistando con lo stile e con le caratteristiche dell'ambiente. Scegliere una tipologia di gabinetto rispetto all'altra può comportare al compimento di lavori murali differenti e quindi è utile avere le idee ben chiare prima ancora di dare il via alle lavorazioni di pura edilizia. Un altro parametro che può variare a seconda del modello di sanitari installati riguarda l'aspetto idraulico: il posizionamento degli attacchi o degli scarichi varia in caso di sanitari bagno sospesi o con l'installazione a terra.

Se si procede alla sostituzione di sanitari ormai datati, è necessario adeguare la scelta all'impiantistica esistente e di conseguenza il campo di soluzioni possibili si restringe. Se si è liberi di improntare l'idraulica e gli impianti allora la scelta può spaziare interessando diversi modelli, poiché, in questo caso, gli operai possono modificare la costruzione edile predisponendola per accogliere i sanitari preferiti. Il problema principale è quando si deve intervenire su bagni datati, in cui vi è la presenza delle classiche tubature curvilinee a vista che sono sempre ricettacoli di polvere. In tal caso è possibile, talvolta, prevedere la sostituzione con dei sanitari sospesi che hanno l'attacco non sul pavimento ma a parete, lavorando però sul piastrellame. Questa soluzione non sempre è applicabile e quindi si può ovviare al problema mediante la scelta di sanitari classici a terra, ma aggraziati da un profilo più attuale e magari anche abbinati ad una cassetta dell'acqua esterna, a vista.

Sanitari a pavimento

Rappresentano la soluzione ancora più in voga, semplice, immediata e tradizionale. Questo ha fatto sì che per aggiornare i modelli siano state proposte anche linee più moderne che sono definite a filo muro, a causa della loro particolare installazione. Lo scarico è a terra o a parete e prevedono la possibilità di installare anche la cassetta esternamente. Diventano praticamente obbligatori quando non sono possibili altre soluzioni o quando bisogna adattarsi a dei vincoli strutturali già esistenti. Un particolare genere di sanitari a terra è quello definito monoblocco dove la cassetta è un prolungamento del vaso, divenendo di fatto parte integrante del complesso. Questo è installabile di solito a filo muro. Una linea molto gradevole è proprio quella di Kerasan. I vantaggi sono notevoli, a partire da una struttura che è portante e che può essere installata anche sulle "ceneri" dei vecchi gabinetti, celando alla perfezione i segni del tempo e restituendo al cliente un bagno moderno dotato di un tocco di personalità in più.

Sanitari a terra: pro

- Installazione semplice: il posizionamento di un sanitario a terra è molto semplice e pratico, al punto che si può svolgere in poco tempo grazie al fissaggio a pavimento di appositi tasselli, senza che vengano richiesti supporti di ancoraggio. Questo fa in modo che anche la manodopera risulti economica. Lievemente più complessa l'installazione dei modelli a filo muro perché richiedono attenzione al posizionamento tra l'oggetto e la parete, evitando che si possano formare delle antipatiche intercapedini. I sanitari a terra hanno un'altezza che è fissata all'origine secondo una misura standardizzata e quindi è impossibile sbagliare la loro collocazione.
- Prezzo: il prezzo è relativamente basso, soprattutto per i modelli tradizionali, mentre quelli a filo muro presentano un conto leggermente superiore, ma comunque inferiore rispetto ai modelli sospesi. Si possono avere sanitari a terra a partire da poche decine di euro, in ceramica.

Sanitari a terra: contro

- Ingombri: gli ingombri sono importanti in quanto di solito si installano lasciando uno spazio tra la parete e il retro del vaso e del bidet. Questo, per bagni non particolarmente spaziosi, può essere un problema.
- Pulizia: se con un sanitario sospeso si riesce a passare sotto con la scopa, in questo caso bisogna girarci attorno e a volte non è sufficiente. Dove si ha la giunzione tra la ceramica e il pavimento, si creano dei veri e propri accumuli di polvere e di sporco che richiedono un'azione più incisiva durante la pulizia del locale, la quale non sempre risulta agevole.

Sanitari sospesi

Nonostante rappresentino sanitari molto ricercati e di chiara tendenza moderna, è pur vero che molti individui sono reticenti all'idea di sedersi su un oggetto sospeso, non ancorato a terra e la scelta dei sanitari sospesi può apparire come azzardata. Il contrasto è ancor più accentuato se si proviene da molti anni di convivenza con i sanitari tradizionali, anche perché l'installazione di un WC sospeso richiede spesso la modifica della posizione degli scarichi e delle tubature. L'effetto che creano è però molto particolare, quasi estemporaneo, grazie alla sensazione di leggerezza che sanno dare, contribuendo a creare un ambiente minimal, ma al tempo stesso elegante. Vi è un importante vincolo per l'installazione di questo genere di sanitari: lo spessore della parete. Esso deve essere consono a sorreggere non solo il peso della tazza e del bidet, ma anche quello della persona, della cassetta e avere anche un margine di sicurezza ulteriore. Il muro di installazione deve avere spessore consigliato di almeno 12 centimetri e in alcuni casi è opportuna anche una contromuratura per conferire più solidità al sistema.

Sanitari sospesi: pro

- Pulizia facilitata: i sanitari sospesi bagno, rimanendo in posizione rialzata rispetto al pavimento, consentono una pulizia più semplice e immediata. Nulla viene fissato a terra e quindi si crea uno spazio libero, idoneo al passaggio di aspirapolvere, scopa e spazzolone.
- Estetica: l'estetica è un altro vantaggio indiscusso. Ne guadagna l'intero bagno, che assume una chiara connotazione moderna, di stile e di design, grazie a contorni accattivanti. Inoltre riesce a preservare le superfici delicate del pavimento: se questo fosse in parquet oppure un piastrelle molto delicate, i sanitari sospesi non richiedono opere murarie che coinvolgono la pavimentazione. I modelli sul mercato hanno forme differenti, dalle più classiche alle più articolate, con la possibilità di scegliere colori differenti.
- Poco ingombranti: l'installazione di sanitari sospesi avviene in poco spazio poiché si collegano direttamente alla parete. Questo comporta grande vantaggio soprattutto in bagni di piccole dimensioni, in cui anche 20 centimetri possono far comodo.
- Bassa rumorosità: quando si aziona lo sciacquone il rumore emesso è inferiore rispetto ad un'installazione a terra, dato che avendo lo scarico interno alla parete, oltre allo spessore della stessa che soffoca i rumori, è più facile inserire elementi di isolamento acustico. Questa soluzione è ideale per chi abita in condominio oppure in appartamenti confinanti.

Sanitari sospesi: contro

- Installazione delicata: la vera difficoltà sta proprio nell'installazione per la quale è bene affidarsi ad un serio professionista. Lo scarico e le tubature devono essere a muro e anche il posizionamento dei sanitari necessita di particolare attenzione dato che non deve crearsi una frattura nel tempo.
- Prezzo: hanno un prezzo più elevato rispetto ai modelli a terra, non solo per questioni di design, ma soprattutto per la necessità di apposite staffe di sostegno e di un lavoro maggiore in fase di installazione. - Posizione: bisogna chiarire esattamente la posizione di fissaggio. A volte i sanitari sospesi vengono erroneamente collocati troppo in basso e in questo caso, oltre a non esser molto comodi in fase di utilizzo, viene resa più complessa la pulizia delle piastrelle adiacenti, vanificando uno dei principali pregi.

Conclusione

Al termine di questa guida alla scelta tra sanitari sospesi o a terra, è ora di trarre qualche conclusione.
I sanitari a terra rimandano alla soluzione più gettonata, quella più classica e tradizionale, con lo scarico a pavimento o muro e la cassetta che può essere esterna per generare anche una facilità di intervento in caso di guasto o di manutenzione.
L'installazione è abbastanza intuitiva, semplice e rapida, dato che richiede semplicemente il fissaggio al pavimento della base della tazza, ma la proposta è più ingombrante perché c'è uno spazio fisiologico da considerare tra il water e la parete, poco pratico in fase di pulizia. Sempre stando sulla categoria dei sanitari a terra, quelli più moderni si distinguono per essere con installazione a filo muro, un altro genere di modello che rappresenta un intermedio tra la tradizione e l'innovazione.

I sanitari sospesi esteticamente sono accattivanti, gli spazi si riducono, non necessitano di pulizia nella parte retrostante e anche dal punto di vista dell'impianto idraulico sono più versatili. La difficoltà consiste nell'installazione, nel senso che deve essere svolta da un professionista per evitare che si creino intercapedini tra l'oggetto e la parete. L'innovazione è portata alla ribalta dai sanitari sospesi, che riconducono alla vera modernità. Seppure non siano ancora molto diffusi, più che altro per un problema di abitudine culturale del popolo italiano che pare più legato alla tradizione, sono comunque in espansione e molto ricercati, facendo registrare vendite in crescita. Il loro successo è decretato dall'estetica e dalla praticità di un bagno facilmente pulibile e quindi più igienico. Lo scarico dell'acqua avviene in modo più silenzioso in quanto è collocato all'interno della parete e non a pavimento, mentre l'aspetto da tenere maggiormente in considerazione è l'installazione e lo spessore del muro. Sono più costosi rispetto ai modelli a terra.

La scelta del modello di sanitario ideale dipende dallo stile del bagno, da eventuali vincoli presenti, dalla disponibilità economica e dal gusto personale. Le collezioni di Kerasan sanno proporre soluzioni a 360 gradi capaci di soddisfare le richieste di una clientela esigente che ricerca funzionalità e qualità. Stile moderno o vintage, sospeso o a terra, la scelta del sanitario ideale con i prodotti Kerasan è più semplice e immediata.